La parola “YOGA” evoca in noi immagini di posizioni complicate, rigide abitudini alimentari e pratiche spirituali che non sempre si riesce a collocare armoniosamente nell’ambito della cultura occidentale. Viniyoga, al contrario, è uno yoga semplice, adatto a tutti, che rispetta la persona nella sua interezza e ne prende in considerazione, non solo le caratteristiche fisiche, ma anche, ad esempio, quelle culturali, rispettando le credenze e il linguaggio occidentali, pur rimanendo profondamente legato alla tradizione dei maestri indiani.

Le origini del Viniyoga

Vinyasa krama yoga o Viniyoga è legato alla tradizione della scuola di T. Krishnamacharya, riconosciuto come l’architetto del Vinyasa Krama, intesa come l’arte di combinare il respiro con il movimento. Si basa sulla felice intuizione di Sri T. Krishnamacharya: “Non  è la persona che deve adattarsi allo yoga, ma è lo yoga che deve essere adattato con cura alla persona”. L’espressione “con cura” allude, inizialmente, al lavoro dell’insegnante che, in qualità di osservatore esterno, può suggerire la corretta applicazione di adattamenti che permettono a chiunque di vivere lo yoga come momento di benessere e di interiorizzazione. In seguito, grazie all’esperienza e alla conoscenza di sè che acquisisce, è il praticante stesso a modulare correttamente la propria pratica.

Vinyasa è un termine sanscrito che, come tante parole di questa lingua, ha molteplici significati. La sua traduzione letterale può essere “posizionare in un modo speciale” e una sua prima definizione descrive il vinyasa come il collegamento tra movimento del corpo e respiro. Come elemento della pratica dello yoga, vinyasa è una sequenza di movimenti coordinati al respiro che aiutano la transizione da una posizione alla successiva.

Le origini del Viniyoga

I benefici del Viniyoga

Il Viniyoga è basato sull’arte della pratica personale. L’obiettivo è quello di percepire cosa succede al nostro corpo quando lo utilizziamo e imparare a riconoscere di cosa ha bisogno. Il valore del Viniyoga risiede nei numerosi benefici al corpo, alla mente e allo spirito. Quando impariamo a sentire il nostro corpo otteniamo notevoli benefici in termini di forza, equilibrio e flessibilità. La pratica terapeutica è stata pensata per curare varie malattie e condizioni negative come l’artrite, l’ipertensione, il diabete, la sclerosi multipla, la scoliosi e anche asma e allergie. Ma praticare il Viniyoga reca vantaggi a chiunque, senza distinzioni di sesso ed età, perché il principio base che lo sorregge è che ogni essere umano è diverso e occorrono quindi trattamenti personalizzati e progressivi.

I benefici del Viniyoga
I benefici del Viniyoga

La pratica del Viniyoga

Gli esercizi corporei uniti all’attenzione consapevole del respiro, consentono di raggiungere obiettivi importanti per la salute profonda della persona. Ad esempio, praticare il Viniyoga consente riequilibrio e allineamento della colonna vertebrale, rilascio di blocchi e tensioni, migliora le funzioni motorie quotidiane e la stabilità del baricentro e consente un grande controllo del respiro e la facoltà di concentrazione.

La pratica all’aperto ci porta in connessione profonda con gli elementi e con i cicli stagionali: ci permette di percepire più intensamente il contatto con la Terra e di trarne senso di radicamento e stabilità, e, al tempo stesso, ci apre alla percezione gioiosa dello Spazio sopra di noi. La nostra energia si espande risuonando spontaneamente con l’energia vitale della Natura che ci dona gratitudine e leggerezza.